valle d'aosta con i bambini

Valle D’Aosta con i bambini

Concludo questo mese di agosto continuando a parlare di luoghi e di emozioni legati ad essi. Con le tre puntate del viaggio in camper verso i Paesi Baschi si è aperto un portone ^_^.  Viaggiare, stare in luoghi diversi dalla propria confort zone, sempre che casa propria lo sia, apre gli animi al mondo. Credo concretamente che sia una grande esperienza di crescita. Per questo lo includo in questo blog. Se siete alla ricerca dell’incontro con l’elemento “terra”, se avete bisogno di ancorarvi a questo mondo tramite il senso di maestosità e immensità delle montagne della Valle D’Aosta fa per voi. E sia chiaro, non manca l’aria, l’acqua e il fuoco, sia inteso, la Valle D’Aosta, con i suoi elementi naturali, vi sorprenderà! Se poi avete famiglia “appresso” a maggiore ragione: la Valle D’Aosta con i bambini è un’ottima combinazione per una vacanza estiva e non può non mancare lo yoga!
Entrando in Valle dal Piemonte si ha l’idea di entrare in una piega della nostra corrugata superficie terrestre. Vi sentirete piccoli piccoli in confronto alle grandi ed incombenti “montagne a punta”, come le chiama mia figlia.

Se siete appassionati di sci  o di passeggiate in montagna, sicuramente conoscerete già l’offerta turistica della Vallée. Ma potreste tornarvi nei panni di neo genitori alla ricerca di una vacanza a misura di bambino e in Valle D’Aosta rimarrete soddisfatti.
Numerose sono le attività dedicate ai bambini e in questi anni si sta rafforzando la proposta di turismo per la famiglia. In particolare nel mese di agosto troverete tante attività proposte dalla Regione Valle d’Aosta e dagli Enti e Associazioni di cui in calce vi riporto i siti internet.

Vi riporto una mia personale selezione di eventi e passeggiate raccolta negli anni, legata soprattutto alle proposte per i bambini. Sia chiaro, non sarà né completa né esaustiva. Mancherà sicuramente qualcosa di interessante che mi propongo di aggiungere al momento che ne farò esperienza e ringrazio fin da ora chiunque voglia integrare o commentare questa proposta.

valle d'aosta con i bambini

valle d’aosta con i bambini per belle Passeggiate in montagna

I vostri bambini non camminano volentieri? nemmeno la mia!

Ma ho scoperto un trucco! In compagni di altri adulti e bambini e proponendo la meta del rifugio come luogo privilegiato e particola, e soprattutto unico luogo per il pranzo, si danno un gran da fare! Provare per credere!

valle d'aosta con i bambiniPasseggiata alle Cascate di LiLlaz

La partenza è poco fuori dal centro abitato di Cogne. Una camminata di poco più di un’ora in salita ed esposta al sole, ma agevole e ben praticabile anche con i bambini. Volendo alla conclusione si può fare il bagno sotto la cascata se non temete il freddo gelido delle acque. A noi è bastato metterci i piedi e disporre i ciottoli di fiume in equilibrio.

Passeggiata lunga la diga Place Moulin

Passeggiata pianeggiante ed esposta al sole che costeggia l’enorme bacino artificiale di Place Moulin. Piacevole e agevole anche con passeggino. La parte che costeggia la diga non ha protezione, e per i  bambini molto piccoli potrebbe essere un elemento di ansia genitoriale. Oltre la diga, alla fine della passeggiata, c’è un rifugio per il pranzo.

Passeggiata ad Etroubles

Etroubles è un grazioso paese nella vallata del Grand Combin, lungo la strada che porta al Tunnel del Gran San Bennardo. Parcheggiando al campo sportivo si trova un sentiero pianeggiante che entra nel bosco. Il sentiero tra gli enormi abeti è animato da attrezzi di un percorso vita che aiutano anche i bambini più pigri a fare due passi tra un gioco e l’altro.

valle d'aosta con i bambiniPasseggiata da Chamois a La Magdalene

Tanto meglio se durante la festa annuale “il gusto di una passeggiata”. Noi quest’anno ce la siamo persa, dato che cade proprio la domenica che partiamo. Si sale con la funivia da Antey-Saint-André a Chamois, delizioso paese senza auto. Da lì parte un sentiero largo, carrabile, per lo più pianeggiante, ombreggiato e con soste animate da giochi legati all’uso degli elementi naturali e la loro forza. Se capitate durante la Festa non dovrete fare altro che seguire le bancarelle di prodotti tipici.

Valsavaranche

Di passeggiate in Valsavaranche, nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, in quella che gli indigeni chiamano “valle selvaggia”, ce ne sono diverse. Selvaggia, perché meno attrezzata di infrastrutture ed impianti. Da Introd potrete entrare nella valle, numerose soste carine, organizzate anche con parchi giochi, comprese aree per i picnic. La strada finisce a Pont, dove da un grande spiazzo potrete accedere ai sentieri, compreso quello per il Rifugio Vittorio Emanuele.

valle d'aosta con i bambiniVal Ferret alle pendici del Monte Bianco

Si sale da sopra Courmayeur verso la Val Ferret, potete arrivare fino al ristorante Lavachey dove la strada è chiusa o fermarvi prima e percorrere il piacevole sentiero pianeggiante lungo il fiume. Con i bambini siamo andati al Rifugio Bonatti, un’ora e mezzo di cammino in salita ma non troppo ripido che si apre magicamente sulla costa all’altezza del rifugio.

Orrido di Pres Saint Dider

È possibile sporgersi sulla gola di Pré-Saint-Didier  da una terrazza a sbalzo e volendo anche percorrere l’orrido imbragati su di una carrucola. Si arriva volendo direttamente a 10 minuti a piedi seguendo le indicazioni del parco avventura in direzione La Thuile oppure da dietro le terme di Pré-Saint-Didier  si sale un bel dislivello lungo un sentiero che s’inerpica costeggiando i tornanti.

valle d'aosta con i bambini

in valle d’aosta con i bambini per MuseI, parchi e giardini per i bambini

Forte di Bard

Museo delle Alpi, con allestimento adatto anche ai bambini e le numerose e interessanti Mostre temporanee, in particolare dedicate alla fotografia. Lo scorso anno ho avuto il piacere di vedere Genesis di Sebastiao Salgado, questa estate 2017 offre McCurthy.

Altri poli espositivi

Numerosi poli museali anche nella città di Aosta. In Piazza Chanoux c’è uno spazio espositivo piccolo e gratuito che ha spesso iniziative interessanti. Altro spazio Espositivo interessante che offre sempre belle mostre fotografiche è in via Festaz, sempre allestito con mostre interessanti.

Sembra ci sia un’interessante Museo Archeologico in Piazza Roncas ma non ho ancora avuto modo di vederlo.

Siti archeologici

Tra i siti archeologici imperdibili (a mio modesto parere) c’è il Criptoportico in piazza della Cattedrale. D’agosto sono previste anche aperture serali. Ma se lo trovate visitabile unico nel suo genere è l’acquedotto romano di Pont d’Ael. Quest’ultimo è unico del suo genere, visitabile, all’interno e camminando su una lastra di vetro si può ammirare l’interno delle arcate del ponte.
Passerete sicuramente attorno all’Arco di Augusto, ignobilmente segregato in una rotonda, e nell’attraversare la città verrete sicuramente rapiti delle mura romane. Pochi posti al mondo posso vantare ancora intatte la cerca muraria di epoca romana. Meriterebbero di essere valorizzate di più, ma si sa, in Italia, con la cultura non si mangia.

Parc Animalier d’Introd

Visitabile in mezza giornata ed attrezzato con aree picnic il parco animalier di Introd è un modo interessante per mettere in contatto i bambini con la fauna locale. Dallo stambecco alla volpe, dall’aquila alle marmotte.

Giardini pubblici

Le mura romane sono ben visibili nella loro integrità anche dai giardini pubblici di via Festaz. Giardini cintati e ben tenuti, con giochi per diverse fasce di età. Potrebbero essere chiusi nei giorni di festa come Pasqua o Natale, in quanto vigilati da parte di personale comunale.
Bello e ben tenuto anche il giardino pubblico di Sant’Orso in centro città. È dotato di due aree distinte, una per i bambini piccoli, con spazio giochi con acqua e palline colorate, ed uno spazio per bambini più grandi con percorsi di abilità e scavatrice nella sabbia.

Parco sensoriale a Morgex

Unico nel suo genere in Valle e per la mia esperienza in gran parte d’Italia, è questo piccolo parco sensoriale di 600 mt nel centro sportivo di Morgex. I bambini e gli adulti possono percorrere scalzi un sentiero che sentiranno modificare sotto i loro piedi. Sono a disposizioni delle mascherine, quindi i più temerari potranno andare alla cieca, tenendosi ad un corrimano. Lungo il percorso giochi che solleciteranno anche udito e olfatto.

In valle d’aosta con i bambini tra Sagre, feste di paese e consigli gastronomici

Se la terra, l’acqua e l’aria sono onnipresenti nelle passeggiate e nei parchi della Valle il fuoco lo troverete nella quantità di calorie che offre la cucina e la gastronomia tipica Valdoten. Tra le Sagre per me imprescindibili se sono in zona ci sono il Fromage Quart Fest e la Fiha de Barmè di Villeneuve. La seconda è una garanzia, è sempre il 16 agosto, la prima un’incertezza, a volte a luglio, quest’anno a maggio. La prima si svolge all’interno del castello di Quart e si sale con le navette dalla zona commerciale de L’Amérique. Si accede acquistando tagliere e tagliandi, ogni castorino ha un prodotto caseario locale. Idem la Fiha de Barmé, solo che all’ingresso ti danno bicchiere e tagliandi e sei libero di girare nel paese alla ricerca dei Barmé, cantine interrate, anfratti meravigliosi.

Il 14 Agosto si svolge anche la Veillà di Etroubles, dove al riparo nei vostri piumini leggeri, potrete mangiare polenta e salsiccia ai chioschi e ammirare i mestieri di una volta. Dal taglialegna al falegname, dal fabbro al maniscalco, al contadino che batte il grano nel granaio. L’ideale per far capire ai bambini il tenore di vita di una volta in montagna.

Prodotti gastronomici locali, ristoranti, enoteche e gelaterie

Imprescindibile dalle tavole valdostane è la polenta. Non manca mai nemmeno nei picnic! Spesso è una polenta taragna, grezza, condita con abbondante burro o “concia” con la fontina e il burro fusi, servita molto soda. La polenta è accompagnata spesso da spezzatini di carne bovina o cacciagione in civet, ovvero cotti nel vino. Numerosi i salumi e formaggi: dalle mocette (carne magra spezzata tipo bresaola molto essiccata) ai bouden, salsicce di patate e o barbabietole e sangue di maiale, dalla più famosa fontina ai suoi derivati più freschi, come la brossa. Il pane che li accompagna solitamente è di segale, o di farine miste integrali con noci e nella versione “frutta” con fichi e uvetta. A mio pare unico!

Consigliarvi dove mangiarli? Ma si fa male, negli anni le situazioni cambiano. Vi segnalo quelli che negli anni che mi sono piaciuti di più.

Rimasta uguale negli anni, è la Vinosteria Antirouille ad Amayville, taglieri e vini a bicchiere, ottime birre artigianali, ma anche pochi piatti caldi. Particolare nel suo genere La Chaumieère a Signayes, frazione di Aosta in collina, adatta soprattutto ai carnivori che vogliono assaporare la carne nelle sue varie proposte alla griglia e alla braserade. Sempre secondo tradizione alla Trattoria di Lo Gran Baou dovrete percorrere una lunga strada bianca ma vi troverete solo voi, con gli altri avventori, nella splendido vallone di Vertosan. Se siete stufi della cucina tradizionale ecco che fa per voi Bjork, una Swedish Brasserie, dove troverete aringa in tutte le salse e arredamento minimal.

valle d'aosta con i bambiniDove fare yoga

Se cercate vacanze yoga in Valle D’Aosta al momento vi posso consigliare la Notre Maison a Vetan. Insieme a Druma Yoga di Firenze, propongono tre settimane l’anno di studio e pratica di asana e filosofia yoga. Il posto è splendido, è un’altra valle selvaggia, per così dire, con pochissime infrastrutture. L’albergo è comodo ed accogliente e la sinergia tra il gestore e Sergio e Cristina, sono sicura sia validissima. Insieme hanno addirittura creato un sentiero per la meditazione camminata che potrete visitare o percorrere anche se non siete loro ospiti e che parte dal parcheggio dell’albergo, dove c’è un pannello esplicativo del percorso.

Se siete liberi praticanti e cercate solo spazi verdi sul quale stendere il vostro tappetino potrete andare all’area verde di Pollein. Sarete sicuramente in buona compagnia di praticanti di vari sport. Qui che nel 2014 ho fatto una mini esperienza di 4 lezioni di Yoga Ratna in Valle D’Aosta. Ogni paese ha sempre ampi spazi attrezzati a giardino dove potrete stendere i vostri tappetini, tra questi il bellissimo il prato di Sant’Orso a Cogne, dove di solito si trovano spesso appassionati di aquiloni. Oppure il bel giardino attrezzato che domina dall’alto La Thuile.

La Valle D’Aosta ha tutte le risorse per farvi godere di una settimana (e più!) di gioia di vivere la natura, lo sport e la gastronomia! Buon divertimento.

link per la vacanza in valle d’aosta con i bambini:

Lascia un commento